Cerca una parola

Cerca per lettera

CAPTCHA

Non spaventarti perché ti sembra una parola “bruttina”: quando scoprirai cosa significa CAPTCHA ti renderai conto di averne usato almeno uno!

Cosa significa CAPTCHA?

Cosa significa CAPTCHA

Un esempio di CAPTCHA che ti chiede di riscrivere delle parole

Il CAPTCHA è qualcosa che si è diffuso insieme al WWW e che, in parole povere, è stato inizialmente inventato per evitare che i forum di discussione fossero intasati di spam!

Il CAPTCHA altri non è che quella casellina di testo che trovi di solito quando devi registrarti a qualche sito o servizio, che ti chiede di cliccare con il mouse in una casella, di riconoscere delle immagini o di riscrivere dei caratteri per “verificare che tu non sei un bot”.

CAPTCHA, infatti, è l’abbreviazione della frase inglese “completely automated public Turing test to tell computers and humans apart” che, tradotta, significa letteralmente “test di Turing, pubblico e completamente automatizzato, per distinguere i computer dagli umani”.

Per farti comprendere ancor meglio voglio farti un esempio: alcuni programmatori scrivono dei programmi, che chiameremo bot, e li istruiscono per iscriversi su siti e forum di discussione e lasciare pubblicità non gradite (quelle che tutti chiamiamo “spam”). Il CAPTCHA vuole evitare proprio questo: quando dovrai confermare l’iscrizione, rispondendo a ciò che il CAPTCHA ti chiede di fare dimostrerai di essere un umano e non un computer.

Ovviamente non esiste un solo tipo di CAPTCHA e di sicuro ti sarà capitato di farne qualcuno; ad esempio alcuni molto usati possono farti:

  • cliccare in una casellina (la posizione del mouse, il click, la velocità ed altre cose fanno capire al sito che sei un umano);
  • riscrivere delle lettere disegnate in modo strano e difficilmente riconoscibile da programmi automatici;
  • riconoscere delle immagini secondo logica (con domande del tipo “quali immagini raffigurano cibo?” oppure “in quali ci sono segnali stradali?”).

I CAPTCHA vengono migliorati con l’avanzare del tempo, proprio per evitare di essere riconosciuti – e quindi “aggirati” – dai programmi bot di cui ti parlavo prima!


Insegnalo anche ai tuoi amici!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail