Cerca una parola

Cerca per lettera

Informatica forense

Ne hai sentito parlare in un telefilm o hai qualche conoscente che lavora in questo settore ma non sai cosa fa? Qui troverai ciò che cerchi e scoprirai cosa significa informatica forense!

Cosa significa informatica forense?

cosa significa informatica forense

Informatica forense: un ramo della legge sempre più importante

Con la parola “forense”, in italiano, puoi intendere qualsiasi cosa che riguardi la legge e la giustizia – sì, puoi immediatamente pensare a tribunali, avvocati, cause, indagini e… all’avvoltoio Jack McCoy nella famosissima serie Law & Order o, se sei un po’ più piccolo, al Detective Conan. Detto ciò, posso spiegarti tranquillamente cosa significa informatica forense: puoi vederla un po’ come una scienza che studia, racchiude e mette in pratica tecniche che permettono di raccogliere dati da dispositivi digitali che possano essere usati in ambito legale e giudiziario.

Per dirtela in parole ancora più semplice, l’informatica forense è l’insieme di quelle tattiche che permette ad esperti del settore (interni alla polizia, all’ambito strettamente giuridico o altri settori simili) di trovare prove che possano aiutare nelle indagini, e di farlo esaminando e prelevando dati dai dispositivi digitali – che siano computer, smartphone, tablet, smartwatch o altri tipi di dispositivi.

Ti faccio un esempio: se un criminale cerca di distruggere un disco o una memoria che contiene le prove dei suoi reati, gli informatici forensi hanno il compito di cercare di recuperarli dalle memorie danneggiate; ancora, se lo stesso criminale cifra i dati su una memoria e si rifiuta di dire alla polizia come accedervi, gli informatici forensi potranno usare le loro conoscenze di crittografia e le loro strategie per cercare di farlo da soli. Ancora, se i dati vengono cancellati gli informatici forensi dovranno occuparsi di recuperarli.

Oggi come oggi, inoltre, l’informatica forense si occupa anche di analizzare dati provenienti da Internet e che riguardano i potenziali criminali – come quelli memorizzati in cloud, giusto per fare un esempio – o, in collaborazione con la Polizia Postale, provenienti dai social network o dai sistemi di messaggistica.

Tanti anni fa l’informatica forense era un ramo della giurisdizione poco considerato, poiché la tecnologia non era così diffusa e le prove acquisite in questo modo non sempre venivano accettate nei tribunali. Ad oggi, invece, vista la diffusione dei dispositivi elettronici si sta trasformando in un campo sempre più importante e le cui prove vengono prese seriamente in considerazione e possono essere fondamentali per scagionare o condannare gli imputati.

Curiosità: esistono persone che sono state condannate grazie alla traccia di un file presente sul loro computer!


Insegnalo anche ai tuoi amici!

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail